Pubblicazioni

L’esperienza vissuta e quella che stiamo ancora vivendo, frutto della fiducia che riponiamo nelle potenzialità di  bambini unici e dei loro compagni, è quella di mostrare  che partendo da una situazione di svantaggio si può ottenere un vantaggio per tutti. Il possibile di queste esperienze è quello di guardare oltre la disabilità, oltre la patologia. Solo così la parola integrazione non rischia di rimanere una parola vuota di significato, stampata su decine di documenti e normative che tutelano a parole il diritto di queste persone a essere e non ad apparire. Ma l’apparenza è quella che spesso prevale come diritto di questi bambini nella nostra scuola. Un’apparenza fatta di stereotipi e luoghi comuni. Sentiamo ancora oggi mamme parlare della presenza di un bambino diversamente abile in una classe come di un ostacolo alle attività svolte. Per noi l’ostacolo è rappresentato da queste persone, e da quella categoria di insegnanti che non accolgono o comunque delegano all’insegnante dell’integrazione un compito che tocca il loro lavoro quanto il nostro.

Al contrario noi ci sentiamo in debito con  questi bambini unici, quelli che abbiamo incontrato e quelli con cui oggi condividiamo le nostre giornate di lavoro, perché ci hanno trasmesso la consapevolezza di non  arrendersi davanti alle difficoltà, e queste esperienze sicuramente ci hanno dato la possibilità di crescere sia professionalmente, ma soprattutto come persone.

Pubblicazioni

Richiedi informazioni

Accetto le regole sulla Privacy

Accetta   Rifiuta 

calendar

Psicoterapeuta Maria Teresa Lenoci

Roma - Viale di Valfiorita

Mercoledi 18:30 – 22

Giovedi 08 - 09 | 18:30 - 22

Venerdi 18:30 - 22

Sabato su appuntamento

Roma - Via Deserto dei Gobi, 125

Lunedi 15 – 20

Martedi 15 – 20

Martina Franca (TA) - Via Fabio Filzi, 19

Sabato due volte al mese

Il presente sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Clicca qui per prendere visione dell'informativa.